Turisti si diventa.

Si alzano presto, prendono il pullman, in autogrill vanno in bagno 15 alla volta, arrivano, fotografano ogni cosa, studiano l’itinerario, si entusiasmano per un vecchio convento a 2000 metri, salgono a piedi, salgono, sudano, si affannano e arrivano alla meta: solo allora si accorgono che nella guida, era scritto che salendo esistevano paesaggi a dir poco spettacolari e meravigliosi. Nessuno li ha visti.

Famiglie italiane.

La famiglia brianzola:
La famiglia brianzola ha genitori severi e non accetta contraddittorio con i figli quindi, una famiglia di adulti è omogenea, pensa le stesse cose, tifa la stessa squadra, vota la lega di Salvini, ed eccoli tutti insieme in parrocchia per il compleanno del prete.
La famiglia romana:
La famiglia romana è spesso composta da: padre liberal, figlio maggiore comunista e romanista, il minore fascista e laziale, la madre è dell’azione cattolica e la figlia fa la mantenuta. Ogni evento una sfida. Guai a bussare alla porta!!

Gli italiani che faticano a sentirsi tali.

Gli italiani governanti di oggi semplificano la storia, né smontano la complessità per rendere gli accadimenti dei tempi remoti adattabili alle esigenze del presente. Un’operazione sistematica concepita per offrire forza, retroterra, dignità, alle contese di oggi, che nessuna dignità hanno. Qui vogliamo contribuire a proteggere i fatti che abbiamo vissuto, dallo scempio dell’uso politico della memoria. Non faremo un impossibile lavoro di confutazione di accaduti storici, ma racconteremo fatti a modo nostro e con le parole di quelli come noi. Siamo italiani fuori dalle parrocchie delle raccomandazioni, con l'atteggiamento critico tipico di chi ha vissuto da spirito libero e che oggi sono costretti a difendersi da coloro che sono assoldati dalla politica e dal clero come professionisti della mistificazione.

Io un cane sciolto e lo sfascio della sinistra.

Non ci riesco fisicamente ad essere di destra, ma quelli di sinistra mi fanno incazzare. Il referendum è per me una brutta bestia, non è affatto democratico, mi costringe a dire si o no negando vie intermedie e peggio ancora negando reale partecipazione, e questo mi è ostico, contrario. Come si fa ad aderire completamente? Sono un "senza partito", sono quello che ha perso fiducia nelle istituzioni, che non vorrebbe votare e che quando lo fa gli viene male allo stomaco, in quanto deve votare "contro qualcuno" o a favore di un altro che non lo rappresenta e che gli viene imposto perché da un apparato che niente condivide e soltanto . Non si riesce ad avere una legge elettorale che consenta ai cittadini di espirmersi, ognuno dei partiti ha solo l'interesse di procurarsi vantaggi anche in caso di perdita di consensi. Limite per entrare in Parlamento, premio di maggioranza ecc. tutte questioni senza contenuto vero, e che variano a seconda degli umori rilevati dai sondaggi, su campioni di paese che nulla rappresentano. Invece di mettere attenzione ai tempi che cambiano alle tecniche che impongono investimenti pubblici mirati, dopo ventanni di antiberlusconismo inerte ecco che tutta la sinistra si sfalda e frammenta, e alla setssa maniera si mettono in parte i diritti di lavoratori e pensionati. L'unità della sinistra? e come potrà accadere se i lavoratori per sopravvivere sono ormai costretti a essere i degli imprenditori, come facevano i nostri antenati ai tempi delle signorie. Oggi tutti fanno straordinari quasi gratis, orari flessibili solo se oltre le otto ore, sabato mattina tutti presenti, gli immigrati devono restare illegali, perché piace a tutti la manodopera a infimo costo. Siamo proprio come i nostri avi, che la domenica mattina arrivavano nelle corti di signorie, baronie, ducati, curie e parrocchie, con pesanti ceste di frutta fresca, uova e polli spennati, magari sottratti alle esigenze famigliari. Oggi, per un posto di lavoro se pur incerto, occorre entrare nelle grazie di imprenditori, finanzieri e clericali ed essere servili. Le loro ville hanno sfarzo e lustro come quelle dei signorotti di un tempo, esse, anche se ben nascoste nel verde, mostrano un potere senza controllo, proprio grazie allo sfascio della sinistra.