29. dic, 2017

2018-2019-2020 Le previsioni.

STA EMERGENDO UNA DOMANDA PIU' TECNICA, UN'AUTOMAZIONE CON CERTEZZE.

COME DOVRANNO RISPONDERE I COSTRUTTORI:

Con macchine la cui meccanica deve essere efficiente e rispettare pienamente lo scopo/utilizzo di magazzino automatico. Il concetto di automazione dello stoccaggio deve essere raggiunto pienamente: un magazzino è automatico, quando l’intervento manuale non è previsto. Introduciamo materiali in magazzino e quando ci vengono richiesti ne comandiamo la consegna, che viene evasa esattamente nei tempi, nei punti consegna selezionati e nei modi prestabiliti.

Con software chiari e senza personalizzazioni che lasciano un inutile protagonismo al farmacista

Con interfaccia di utilizzo semplice e aderente al gestionale in uso

I sistemi di introduzione manuale devono scomparire come deve scomparire la distinzione di parti dedicate all’alta rotazione e parti alla bassa rotazione.

Occorre efficienza nell''erogazione delle ricette anche nelle ore di punta

Occorre ridurre gli ingombri ed aumentare la capacità di contenimento

Occorre costruire macchine leggere per solai uso abitativo

Occorrono accessori (lift, nastri, spirali, scivoli e tramoggie) di qualità silenziosità e meccanicamente impeccabili

Occorre una visione unitaria del magazzino senza differenze d’utilizzo

Occorre <<liberare il farmacista>> fornendogli una macchina completamente autonoma

IL FARMACISTA DEVE SOLO OCCUPARSI:

dell’integrità delle scatole

delle scatole con destinazioni diverse dal magazzino automatico

delle scatole di dimensione non inseribile e chiaramente specificata

del rovesciamento manuale o semiautomatico (se previsto) delle cassette degli arrivi

il farmacista vuole essere certo che le attese dei clienti nelle ore di punta sia nella norma che consenta il cross-selling e nulla più