5. lug, 2018

Groviglio quotidiano, siamo umanoidi bempensanti e disciplinati.

Nessuno di noi sente in maniera chiara di avere un'identità. Nazionale, etnica, famigliare, caratteriale, di pensiero ecc. Non conoscere o non percepire la propria vera identità significa essere una cosa pazza e disincantata, un automa. E, in effetti, questa immagine, una volta fantascienza, indica bene la massa di esseri umani che ora vivono nelle democrazie industriali ad alta tecnologia. La loro unicità non esiste. Non esiste un loro libero pensiero, uno stile, un gusto. L'autenticità sta nella loro capacità di obbedire e di correre dietro ai cambiamenti di stile di massa trasmessi attraverso i media. Immersi nel cibo spazzatura, nei media spazzatura e nella politica tecno-tirannica, sono condannati a vite tossiche di scarsa consapevolezza. I disegni sul corpo sono chiazze di furori vari e indicano una, per loro, chiara appartenenza che gli altri non comprendono. Sedati dalla prescrizione quotidiana di lavoro, di televisione, di sport, di magrezza, di palestra, di integratori, sono umanoidi energumeni persi per tutti, tranne che per il consumo.