6. lug, 2016

Europa assente ed ecco i nuovi roghi.

Cominciamo con il problema della legge sull'aborto, che sembra annunciare il ritorno dell'era della strega che brucia. Meno di due settimane fa, abbiamo appreso che l’episcopato polacco ha deciso di chiedere al governo attuale un divieto totale all'aborto nella legge polacca; la domanda è stata avanzata sulla base del sostegno dato a PIS e sulla base delle promesse fatte da PIS stesso all’Episcopato durante le elezioni. Di conseguenza, il leader del partito di governo, Jarosław Kaczyński, essendo in debito con la Chiesa per aver vinto le elezioni, ha confessato che come credente e cattolico praticante deve optare per il divieto all’aborto, come l’episcopato chiede ed attende.