19. nov, 2017

L'orrido e il gusto dell'apparire viaggiano insieme.

Come sono cambiati gli italiani. Presto trasmissioni sull'educazione sessuale in programmi pomeridiani e tarda serata

Il dolore, la malattia, l'amore, la passione, il corpo, erano assolutamente <questioni di casa>, di famiglia e di qualche amicizia importante. Ora un dolore lo si porta come spettacolo televisivo, insieme alle ruberie degli uomini con incarichi pubblici, come colloquio quotidiano anche tra sconosciuti, si espone per strada, in ufficio, in chiesa, al cinema. Riservatezza è parola oramai sconosciuta. E' meglio, è peggio? non voglio giudicare, vista la mia lontananza dai media in genere, in particolare dalla tv e dai giornali, ma presto lo sapremo e la conseguenza sarà: fare festa in un obitorio, fare il bagno in mille in una piscina, pedalare in tremila in palestra tra sudori e cattivi odori, giocare in chiesa, amoreggiare nel confessionale, ci sarà anche: cordoglio pubblico, cordoglio dei colleghi, pianto conto terzi al funerale per il cane, ecc. ecc. In Francia nel 1340 dovette intervenire il Papa per evitare che le prostitute si unissero a fare affari quando veniva ghigliottinato qualche ladro e qualche donna accusata di stregoneria, esse adescavano i clienti più facoltosi proprio vicino al fumo acre dei cadaveri, si univa il sesso all'horror. Argomento che ispira molto il fumetto moderno e i tatuaggi sul corpo, usato come un <mantello> leggermente staccato dalla pelle.