31. ott, 2016

Nessun diritto alle donne!! Ecco la famiglia patriarcale.

Abbiamo parlato di come gli uomini dominavano e avevano molta libertà, mentre le donne subivano in completa soggezione. Nessuno aveva cura della loro felicità. L’uguaglianza può essere assicurata in due modi: o esigendo dagli uomini la stessa rigida monogamia che si esigeva dalle donne, oppure concedendo alle donne una certa elasticità nell’interpretazione della morale. La prima era preferita dai sostenitori dei diritti della donna, la seconda, nella vita reale, è quella che tuttora prevale. Nessuno la giustifica e se si parla di <libertà dei costumi> ecco che si diventa impacciati, tutti vorrebbero ma la cultura patriarcale domina di fatto anche se mitigata dalla differente scolarità moderna. Nei comportamenti odierni ha molto inciso una minore <ignoranza sessuale> e soprattutto la vera rivoluzione dei comportamenti sessuali è data dalla contraccezione, pur se osteggiata dal Cristianesimo imperante. Per cui se vogliamo parlare di nuova etica nelle cose del sesso, ciò che positivamente dobbiamo fare è chiederci quali regole morali sono maggiormente idonee a favorire la felicità, che siano valide per uomini e donne senza dimenticare che essendo <regole> non possono avere certo validità universale senza che si plasmino e differenziano tra etnie, regioni, culture diverse e tendenze di genere diverse. Come non possiamo non considerare che essere <fuori le regole> fa parte del tessuto sociale di tutti i tempi e certamente il sesso è potente e campo fertile per libertà personali senza troppe regole, con il cardine del rispetto e reciproco consenso.