29. ago, 2016

Quando in Brianza suonano le poderose campane!!

Quando sentiamo le poderose campane che rimbalzano nei colli della Brianza ci viene da dire: ma è possibile che ancora oggi dopo duemila anni, sentiamo tutto questo per un ebreo crocifisso che diceva di essere figlio di Dio!! Proprio la mancanza di negazione a questo, ci dice che la religione cristiana è un’antichità che emerge da un’epoca lontanissima e il fatto che si presti ancora fede a ciò, rappresenta l’essere remoto di questo accaduto, quasi una vera eredità collettiva: un Dio che fa figli con una vergine umana, un saggio che esorta a non lavorare più, a dismettere i tribunali, ma invita a pensare alla fine del mondo, a rinnegare la giustizia degli uomini per  quella divina, a pregare affinché avvengano miracoli, a temere la vita oltre il passaggio della morte, a farsi il segno della croce quando nessuno muore più crocifisso. Ecco tutto questo ci viene riesumato da un antico sepolcro, e dovremmo ancora credere a tutto questo? Gli individui cosiddetti <normali> legati alla tradizione ci credono fermamente e preferiscono non analizzare quello che credono. Ereditano un culto, una tradizione, una fede come si eredita una casa, un cct, un’automobile, un cane, una pentola a pressione, insomma un credente è l’ideale destinatario di una fede <ereditaria>.