22. apr, 2016

Una vita contro le religioni monoteiste

Cercherò di spiegarlo qui in diversi contenuti e forme, spero di riuscire o almeno veder riconosciuta la buona volontà del mio intento. Per agevolare la comprensione di quello che via via andrò a dire, parto dalla convinzione che le mie idee su questo scivoloso argomento, sono solo "idee mie"..lungi da farle apparire esportabili ad altri o pensarle universali e adatte ai più. Gli uomini con discreta facoltà di pensiero si dividono in: esistenzialisti, logici, idealisti e apostati. Io ho sempre ammirato e preso dai logici. Perché questo? Esclusi i logici tutti gli altri hanno la presunzione che quello che pensano, vivono, credono non abbia valore per se stessi ma è un dogma universale. Li ho studiati, li vedo aggressivi, si sentono di apprtenere ad un gruppo dominante, danno esempi e dimostrazioni violente, lottano per imporre. Io sono cresciuto lasciando spazio al dubbio, al divenire, all'attenzione verso gli altri, alla conoscenza e sviluppo del pensiero e della convinzione sulle grandi capacità dell'uomo.