4. giu, 2018

Di cosa vive e prospera il cristianesimo?

A parte l'otto per mille è impossibile fare una stima precisa, ma...
L'8x1000 degli italiani vale un miliardo e centoventi milioni di euro. Sconti fiscali vari, esenzioni tasse locali, sovvenzioni varie, estorsioni a danni degli anziani indottrinati e spaventati dall'inferno, lasciti, rendite, affitti e investimenti e speculazioni che gravano sempre sulla collettività, sono poco calcolabili. Chi si avventura in questa specie di conto impossibile non sta mai sotto i 10 miliardi di euro. Tradotta in cifra pratica corrisponderebbe a un sussidio di 500,00 euro per 20 milioni di poveri. Come viene speso ad esempio l'8x1000? I dati di bilancio ci dicono: esigenze di culto e presenza territoriale 468 milioni. Sostentamento del clero 361 milioni. Accantonamenti 55 milioni. Interventi verso la povertà 235 milioni. Cosa si intende a per esigenze di culto? Riti, tribunali ecclesiastici, costruzione di chiese, mantenimento del lusso cardinalizio, lusso degli esorcisti, ecc. L'insegnamento della religione cattolica (IRC) nelle scuole pubbliche italiane costa ai contribuenti, circa un altro miliardo di euro all'anno. Possiamo concludere che invece di lavorare come tutti gli umani, il clero se la gode senza fare nulla, tranne partecipare gioiosamente ai riti di un paganesimo che producono ricchezza. Se volessero fare davvero beneficienza, essi andrebbero a lavorare e risparmiando potrebbero donare ai poveri. Un rappresentante del clero che lavorasse, sarebbe certamente degno di stima e di rispetto, invece in questo sistema è soltanto un parassita in gonnella, intimamente innamorato del potere.La dinamica di base nella situazione italiana è la seguente: da un lato, i membri del governo, che per poter servire al meglio i capitalisti che gli consentono di governare, (ed questo è l'unico loro scopo perseguito), hanno bisogno del clero per mettere in atto delle tecniche per il controllo sociale. Dall'altro, i membri della Chiesa hanno bisogno di denaro per mantenere in essere la loro parassitaria struttura di potere. E tutti vissero felici e contenti tranne gli italiani lavoranti, protesi verso un briciolo di benessere, che puntualmente scompare come telecomandato, proprio a chi lo avvicina.