14. feb, 2018

Lavoro? Alcune opportunità ci sono.

La storia ci ha insegnato che, anche quando l'automazione delle linee di produzione fecero diminuire i posti di lavoro, fu il cosidetto "terziario avanzato" ad essere occasione e opportunità rilevanti per molti italiani. Oggi potremmo assistere ad esplosioni di attività legate al tempo libero, all'alimentazione, al turismo di qualità, al design. Soprattutto il tempo libero potrebbe far emergere qualità nella cultura, nell'intrattenimento, nella formazione, nello sport, nei media. L'agroalimentare, potrebbe affiancare un marketing globale delle qualità italiane. Potrebbe riemergere l'artigianato della nostra grande tradizione. Potrebbero crearsi posti nell'agricoltura privata, nella cura della persona, nell'assistenza degli anziani, nella manutenzione delle strutture abitative, nel recupero delle strutture industriali abbandonate, nel riadattamento di spazi di pubblica utilità. Le scuole potrebbero disporre di terreni dove insegnare piccole coltivazioni di ortaggi di eccellena, ortaggi di grande consumo e frutta. Infine, sarà lo stesso web a produrre altri tipi di occupazione, come già sta accadendo: web designer, esperti di social media, di e-commerce. Se la banda larga si svilupperà presto ecco lavori di supporto al telelavoro, al consumo di contenuti digitali, alla sicurezza informatica. Tecnologie ancora in fase di sviluppo, come la realtà aumentata e la realtà virtuale o simulata, possono creare nuove fìgure professionali, ad esempio creativi per la pubblicità, i cataloghi digitali, esperti di simulazione formativa, curatori di musei e mostre virtuali, registi di film generalisti. Prepariamoci, oggi è già domani.