29. giu, 2016

Ecco il farmacista obiettore!!! Dal Papa polacco a quello argentino sempre contro le leggi italiane

Ricordiamo. <l'aborto e l'eutanasia sono crimini che nessuna legge umana può pretendere di legittimare> Queste le parole di Giovanni Paolo II, riprese, con forza, da Papa Francesco e a queste parole viene agganciata una proposta di legge presentata ieri in parlamento da Lista Civica, e che intende stabilire per farmacisti il diritto di esercitare l'obiezione di coscienza in merito alla vendita di dispositivi, medicinali ed altro che possa essere utilizzato per aborto terapeutico. Gigli l'auotre della proposta afferma che non può ignorare l'esortazione del papa che rivolto ai medici, durante un convegno, che risuonava così: <esorto i medici iscritti alle associazioni cattoliche di operare scelte coraggiose e controcorrente, che possono portare all'obiezione di coscienza nelle richieste di abotro>!! Ancora una volta dobbiamo constatare come l'ingerenza dello Stato Pontificio nella vita sociale e laica italiana, sia insopportabile. Indispettisce tutti noi che poniamo l'uguaglianza, la laicità e la democrazia al centro del vivere civile e a fondamento del nostro stato. Il rispetto per gli italiani, come sempre, viene meno. Eppure solo con l'otto per mille i cittadini, sudditi di due stati, versano nelle casse oltre Tevere oltre un miliardo di euro l'anno.