1. giu, 2016

Clero ricco predica bene.

Il <pavonismo> del Cristianesimo accelera dal 1984 con i “patti”  scellerati di Bettino Craxi. Di fatto muore ogni riferimento al francescanesimo.

Con il rinnovo dei Patti Lateranensi, approfittando della debolezza politica del Craxi governante, Mons. Casaroli e il Papa polacco furono bravissimi a mettere nero su bianco che le materie trattate da quell’accordo non sarebbero mai dovute passare per un referendum nazionale del popolo italiano. Incassarono per nullità dei politici di allora e di oggi ogni privilegio e il disfacimento dello stato sociale. Soldi alla scuola privata, soldi ai preti negli ospedali, nelle scuole pubbliche dove ancora si pagano insegnanti di religione, la definitiva messa in chiusura dei consultori famigliari, boicottaggio sistematico di leggi dello Stato Italiano che riguardano il femminismo. Un fiume di soldi che attraversa il Tevere passando dallo Stato Italiano a quello Vaticano, per legge, e non sarà mai discutibile dal popolo italiano.