3. set, 2017

Elogio del pensiero lento.

La capacità di sintesi del ragionamento ha sostenuto l'uomo in ogni occasione.

Il pensiero rapido può indurre ad una falsa considerazione di dominio sulla natura biologica, impossibile per evidenti limitazioni della stessa biologia. La generazione a cui appartengo è concorde sulla necessità di riconsiderare le potenzialità del <pensiero lento>, basato principalmente sul linguaggio e sulla scrittura, già a livello educativo di base. Cosa ci ha reso <animali eccezionali> fino ad oggi? Proprio il valore temporale del pensiero basato sulla logica, la matematica, la conoscenza della natura, la medicina. Essi non hanno gran valore per la sopravvivenza, ma hanno reso l’uomo un abitante eccezionale della terra. Un uomo il cui successo non dipende dalla sola fitness fisica ma soprattutto dalla sua <forma> intellettuale.