Il cattivo cristiano

23. Mag, 2019

Il divenire animale di Deleuze e la letteratura.

Al contrario della zecca che si affida al caso e quindi al mondo, l'uomo non si fida né dell'uno né dell'altro. In letteratura però non è sempre stato così, a partire da Argo, sino alla Balena Bianca di Melville, gli animali sono quasi sempre stati rappresentati attraverso umanizzazioni, trasformazioni che li hanno resi ancelle o schiavi. È solo dopo Darwin che abbiamo iniziato a comprenderne le differenze e le somiglianze...

Saper vivere

23. Mag, 2019

Groviglio quotidiano, il potere e l'essere religiosi.

Il gioco è estremanente semplice, nasce un uomo e lo allevi, lo fai crescere in "gabbia" gli racconti che soltanto grazie a quelle sbarre che è vivo, che pensa, che respira, che potrà vivere a lungo, che è in sicurezza...

I nostri tempi

20. Mag, 2019

Uomini e cani, una reciproca variazione di specie.

Ci pensa la più importante teorica del femminismo attuale a farci ccomprendere qualcosa in più su uomini e cani. Donna Haraway non ha esitazione: <<Una generazione femminista è passata dalla parte dei cani in ogni senso. Qui sono i cani ad avere importanza, nella loro complessità, i cani non sono un alibi per parlare di altri argomenti, sono una presenza materiale e semiotica nel corpo tecno-scientifico moderno, i cani non sono un surrogato della teoria, non sono semplicemente un oggetto attraverso cui pensare, ma sono esseri con cui vivere>>...